18 marzo 2007: l"incipit


"Vieni a fare un giro dentro di me
o questo fuoco
si consumerà da sè.
E se una vita finisce qua
quest'altra vita
presto comincerà"

Con parole di altri (gli Afterhours), apro questo blog, con il fuoco che spero non si spenga mai.
Ho scritto molte parole, forse inutili o banali, o forse interessanti, irriverenti e divertenti.Le ho pubblicate altrove, ma a volte capita che dopo una giornata al mare si torni a casa solo con la sabbia nelle scarpe.
Ecco spiegato, quindi, il perchè di post retrodatati.
E' iniziata anche questa avventura..davanti, l'orizzonte. Sconosciuto. E per questo, assolutamente elettrizzante!
Buona lettura a tutti!


08 giugno 2007

All'alba di quel 1979

Dal gennaio 1979 anche i militanti comunisti sono nel mirino delle Brigate Rosse, essendo iniziata già da qualche mese, con l'omicidio Moro, l'ascesa verso la fine definitiva dell'organizzazione.
All'alba del 24 gennaio, un operaio di Genova, Guido Rossa, delegato sindacale della Fiom- CIGL all'Italsider, iscritto al PCI viene colpito dapprima alle gambe e poi in pieno cuore da un commando BR.
Rossa aveva scoperto e denunciato alcuni fiancheggiatori delle BR all'interno della fabbrica in cui lavorava, l'Italsider; i brigatisti decidono dunque di punirlo per quel suo atto di coraggio civile.
Aveva 44 anni, sposato e padre di una bambina, impiegato come aggiustatore meccanico nella fabbrica genovese; viene definito "spia" nella telefonata al Secolo XIX che ne rivendica l'assassinio.Al processo per direttissima contro Francesco Berardi, il collega ex militante di Lotta Continua scoperto essere membro delle BR all'interno della fabbrica, Guido Rossa si ritrova ad essere l'unico testimone per la sua carcerazione; l'unico, quindi, da eliminare in quanto "traditore".
Ad ucciderlo sono stati Riccardo Dura, Vincenzo Gagliardo e Lorenzo Carpi, appostatisi dalla notte precedente vicino all'auto del sindacalista, parcheggiata sotto casa nella zona di Oregina; l'esecutore materiale dell'assassinio fu Dura.



-Pezzo uscito l'8/06/07 sul Quotidiano della Sera di Roma-


Nessun commento: