18 marzo 2007: l"incipit


"Vieni a fare un giro dentro di me
o questo fuoco
si consumerà da sè.
E se una vita finisce qua
quest'altra vita
presto comincerà"

Con parole di altri (gli Afterhours), apro questo blog, con il fuoco che spero non si spenga mai.
Ho scritto molte parole, forse inutili o banali, o forse interessanti, irriverenti e divertenti.Le ho pubblicate altrove, ma a volte capita che dopo una giornata al mare si torni a casa solo con la sabbia nelle scarpe.
Ecco spiegato, quindi, il perchè di post retrodatati.
E' iniziata anche questa avventura..davanti, l'orizzonte. Sconosciuto. E per questo, assolutamente elettrizzante!
Buona lettura a tutti!


08 novembre 2008

I "cari amici miei" di Maurizio Battista

Uno dei comici più amati a Roma torna al Teatro Olimpico dall’11 novembre al 7 dicembre con Cari amici miei..come giochi, giochi male! Lui è Maurizio Battista, ex barista con un senso comico molto spiccato, approdato in tv più di dieci anni fa e noto al grande pubblico per la partecipazione a Colorado Cafè.
Dopo il successo della scorsa stagione di Faccio tutto da solo…dalla A alla L, Battista torna con un inedito one man show, da lui scritto e dedicato ai pregi dell’Italia, perché non è solo terra di camorra, mafia e malapolitica, ma piuttosto di grande potenzialità ed eccellenze.

Cari amici miei…come giochi, giochi male! è il tuo nuovo spettacolo..tre aggettivi per descriverlo?
Tre è difficile! Sicuramente però vi posso dire che è uno spettacolo intelligente, divertente..e siccome sono presuntuoso, avvincente!
Nella locandina dello spettacolo c’è un asso di spade del mazzo di carte, con te aggrovigliato intorno alla spada; hai sempre avuto locandine colorate ed attrattive, ma questa volta l’asso di spade perché?
Per tre ragioni: la prima è perché col tempo sono diventato un asso della comicità, la seconda perché è la mia carta preferita -del resto bisogna sempre avere un asso nella manica!- e poi perché, in un mondo di scartine (e qui i romani sanno che voglio dire!), almeno quattro assi ci vogliono!
In attesa che trovi gli altri tre assi necessari a fare poker, Battista ci spiega come, più che prender di mira i vizi degli italiani, ha piuttosto voluto esaltare le virtù del Bel Paese e dei suoi figli, toccando vari argomenti, dall’economia al teatro, da Trilussa alle strisce blu.
Se in una rivelazione statistica, alla domanda “Sei contento dell’Italia?” l’85 % ti risponde di sì, il 43% di no e il 12 % è in forse, il conto totale della percentuale non torna, per cui c’è qualcosa che non va! Invidio tutti i politici; gli italiani sono un popolaccio, difficile da amministrare; eppure loro si impegnano quanto meno a provare a mettere un po’ d’ordine!
Parlare benissimo dell’Italia, dunque, ma benino degli italiani sembra essere il canovaccio di questo spettacolo; stare per un mese in cartellone con uno spettacolo comico ti risulta faticoso?

Assolutamente no! È faticoso se lo si fa come un lavoro, un obbligo da svolgere per guadagnare. Per me invece è un piacere, una missione. Senza contare che chi non è divertente nella vita, non riesce ad esserlo nemmeno sul palco, e sicuramente non per un lungo periodo..ma non è il mio caso, come ho già detto prima, io sono un asso della comicità!


Cari amici miei…come giochi, giochi male!
Dall’11 novembre al 7 dicembre
Teatro Olimpico
Piazza Gentile da Fabriano, 17
Ore 21.00, domenica solo pomeridiana ore 18.00
Biglietti: dai 15 € ai 31 €
Infoline: 06.3265991


-Pezzo pubblicato su RomaWeek del 7-14.11.2008-

Nessun commento: