18 marzo 2007: l"incipit


"Vieni a fare un giro dentro di me
o questo fuoco
si consumerà da sè.
E se una vita finisce qua
quest'altra vita
presto comincerà"

Con parole di altri (gli Afterhours), apro questo blog, con il fuoco che spero non si spenga mai.
Ho scritto molte parole, forse inutili o banali, o forse interessanti, irriverenti e divertenti.Le ho pubblicate altrove, ma a volte capita che dopo una giornata al mare si torni a casa solo con la sabbia nelle scarpe.
Ecco spiegato, quindi, il perchè di post retrodatati.
E' iniziata anche questa avventura..davanti, l'orizzonte. Sconosciuto. E per questo, assolutamente elettrizzante!
Buona lettura a tutti!


31 maggio 2008

Selvaggia-mente facendo..

Questa settimana la consueta rubrica si differenzia e propone due festival e tre segnalazioni per ogni festival.

Il primo festival è CinaviCina, in corso all’Auditorium Parco della Musica fino all’8 giugno.
Il 31 maggio ed il 1 giugno, alle 21.00 nella Sala Petrassi, è di scena la Guangdong Modern Dance Company, che presenta due coreografie diverse ed intense: Sticks e Upon Calligraphy.
Gli sticks, i fiammiferi, sono un espediente comunemente usato dagli studenti di danza per annotare sequenze di passi e movimenti; qui, i fiammiferi diventano un mezzo per pensare e raccontare storie, quella di Sang Jiljia nello specifico, che attraverso la coreografia ideata racconta la sua passione per la danza, le storie personali dei ballerini, la monotonia urbana di ogni giorno. Upon Calligraphy, invece, è una poesia in movimento: la danza trae origine dai diversi stili di scrittura cinesi, dalle Ossa Oracolari fino allo Stile Corsivo, tracciando il percorso della comunicazione cinese attraverso i gesti ed i movimenti ora lenti ora vigorosi, specchio fedele degli stili scrittori orientali.
Il 3 ed il 4 giugno, questa volta presso il Teatro Studio -ma sempre alle 21.00-, sarà la volta della Beijing Modern Dance Company, che con Beijing Vision proporrà cinque estratti tra i piu’ significativi dell’intera produzione di questa affermata ed importante compagnia cinese.
Il 5 ed il 6 giugno, infine, di nuovo alle 21.00 nella Sala Petrassi, con Silver Rain della City Contemporary Dance Company di Hong Kong, il lavoro dei sette coreografi capisaldi della danza moderna cinese viene riunito e sviluppato come visioni teatrali contrastanti della Cina del passato e del presente, dove la forte immaginazione visiva fa da collante alle diverse coreografie.

31 maggio e 1 giugno ore 21.00
Guangdong Modern Dance Company
Sticks e Upon Callihraphy
Sala Petrassi

3 e 4 giugno ore 21.00
Beijing Modern Dance Company
Beijing Vision
Teatro Studio

5 e 6 giugno ore 21.00
City Contemporary Dance Company Hong Kong
Silver Rain
Sala Petrassi

Auditorium Parco della Musica
Via P. de Coubertin
Biglietti: 15 €
Infoline: 06.80241281


Il secondo festival è la rassegna dedicata alla danza butoh, Trasform’azioni08, che si conclude anch’esso l’8 giugno.
Per la terza sessione conclusiva del Festival, il gruppo Lios -ideatore ed organizzatore della rassegna-propone The left-handed woman (il 5 giugno) e Battito d’ossa. I fasti di un corpo povero (il 6 giugno), mentre la conclusione di questa ottava edizione è affidata ad Akira Kasai, che con il suo assolo Snow Blue propone la forza originiraria del butoh contaminata con le teorie di Rudolf Steiner.
Un cammino, quello proposto dalla rassegna Trasform’azioni che vuole indagare sulle realtà della danza butoh contemporanea, senza per questo dimenticarne le radici e le caratteristiche stilistiche originali.

Trasform’azioni 08; Rassegna di danza butoh
- 5 giugno ore 21.00
The left-handed woman

- 6 giugno ore 21.00
Battito d’ossa. I fasti di un corpo povero

- 7 e 8 giugno ore 21.00
Snow Blue

Teatro Furio Camillo
Via Camilla, 44
Biglietti: 10 € intero, 8 € ridotto + 2 € tessera teatro
Infoline: 06.7804476

-Pezzo pubblicato su RomaWeek del 31.05-07.06.08-

Nessun commento: