18 marzo 2007: l"incipit


"Vieni a fare un giro dentro di me
o questo fuoco
si consumerà da sè.
E se una vita finisce qua
quest'altra vita
presto comincerà"

Con parole di altri (gli Afterhours), apro questo blog, con il fuoco che spero non si spenga mai.
Ho scritto molte parole, forse inutili o banali, o forse interessanti, irriverenti e divertenti.Le ho pubblicate altrove, ma a volte capita che dopo una giornata al mare si torni a casa solo con la sabbia nelle scarpe.
Ecco spiegato, quindi, il perchè di post retrodatati.
E' iniziata anche questa avventura..davanti, l'orizzonte. Sconosciuto. E per questo, assolutamente elettrizzante!
Buona lettura a tutti!


20 febbraio 2009

Un anno con 13 lune al Teatro India

Se generalmente è una pièce teatrale che diventa film, nel caso della prossima programmazione del Teatro India è avvenuto il contrario; in scena dal 24 febbraio all'1 marzo, infatti, c'è Un anno con 13 lune, progetto di Michele Di Mauro ed Egumteatro, tratto dall'omonimo film di Fassbinder.
Il titolo si riferisce alla credenza che negli anni lunari con 13 lune gli esseri umani molto sensibili siano soggetti a profonde depressioni; può inoltre accadere che un anno lunare sia contemporaneamente un anno con 13 lune, il che provoca risultati spesso catastrofici per loro.
Uno di questi anni, fu il 1978, anno dell'uscita del film  e della sua ambientazione; realizzato in 25 giorni, esso fu il frutto dello schock che colpì Fassbinder per il suicidio dell'amante Armin Meier. La storia narrata è influenzata dalla filosofia di Schopenauer, segnata dalla solitudine, dal rigetto e dall'alienazione; protagonista è Elvira che in cinque giorni racconta all'amica prostituta Zora la sua vita. Abbandonata in un orfanotrofio, colei che allora si chiamava Erwin ed era un uomo visse la sua vita come tale, lavorando come macellaio nel mattatoio di Francoforte, sposandosi ed avendo anche una figlia.
Tuttavia, l'incontro con Anton Saitz, un ebreo sopravvissuto ai lager e diventato potente con la speculazione edilizia ed un giro di prostituzione, gli ha cambiato la vita; voluto da questi solo in parte come uomo, Erwin lascia la famiglia e va a Casablanca dove diventa Elvira, sperando di poter essere così totalmente accettata da Anton. Tuttavia, il suo ennesimo rifiuto lo pone in un totale stato di frustrazione; negata come donna, ma nemmeno reintegrata nella sua famiglia come (ex) uomo, ad Elvira non resta che morire, perché la Vecchia Signora è l'unica che non può opporgli un rifiuto.

Dal 24 febbraio al 1 marzo
Un anno con 13 lune
Progetto di Michele Di Mauro ed Egumteatro
Teatro India
Lungotevere dei Papareschi, 1
Tutte le sere ore 21.00; domenica ore 18.00
Biglietti: posto unico 15 € intero, 12 € ridotto
Infoline: 06.684000346

-Pezzo pubblicato su RomaWeek del 20-27.02.2009-

Nessun commento: