18 marzo 2007: l"incipit


"Vieni a fare un giro dentro di me
o questo fuoco
si consumerà da sè.
E se una vita finisce qua
quest'altra vita
presto comincerà"

Con parole di altri (gli Afterhours), apro questo blog, con il fuoco che spero non si spenga mai.
Ho scritto molte parole, forse inutili o banali, o forse interessanti, irriverenti e divertenti.Le ho pubblicate altrove, ma a volte capita che dopo una giornata al mare si torni a casa solo con la sabbia nelle scarpe.
Ecco spiegato, quindi, il perchè di post retrodatati.
E' iniziata anche questa avventura..davanti, l'orizzonte. Sconosciuto. E per questo, assolutamente elettrizzante!
Buona lettura a tutti!


06 febbraio 2009

Nella Premiata Pasticceria di Salemme

Ermanno Bellavista, titolare di una pasticceria napoletana, è l’ignaro beneficiario delle cornee di Carmine, un barbone-filosofo a cui, dopo un incidente in cui era stato erroneamente creduto morto, le hanno espiantate illecitamente. La sua vita sta per essere sconvolta dalle rivendicazioni di Carmine e da esilaranti situazioni familiari incentrate sull’importanza degli occhi.
Una commedia la cui napoletanità è garanzia di risate e caratterizzazioni paradossali: è Premiata Pasticceria Bellavista, di Vincenzo Salemme, portata in scena dall’11 al 15 febbraio dalla compagnia Il Pallino del Teatro, presso il Teatro della Visitazione.

Dall’11 al 15 febbraio
Premiata Pasticceria Bellavista, di Vincenzo Salemme
Compagnia Il Pallino del Teatro
Teatro della Visitazione
Via dei Crispolti, 42
Tutte le sere ore 21.00; domenica ore 18.00

Biglietto: 10 €
Infoline: 06.4380494 – 339.8356316
-Pezzo pubblicato su RomaWeek del 6-12.02.2009-

Nessun commento: