18 marzo 2007: l"incipit


"Vieni a fare un giro dentro di me
o questo fuoco
si consumerà da sè.
E se una vita finisce qua
quest'altra vita
presto comincerà"

Con parole di altri (gli Afterhours), apro questo blog, con il fuoco che spero non si spenga mai.
Ho scritto molte parole, forse inutili o banali, o forse interessanti, irriverenti e divertenti.Le ho pubblicate altrove, ma a volte capita che dopo una giornata al mare si torni a casa solo con la sabbia nelle scarpe.
Ecco spiegato, quindi, il perchè di post retrodatati.
E' iniziata anche questa avventura..davanti, l'orizzonte. Sconosciuto. E per questo, assolutamente elettrizzante!
Buona lettura a tutti!


27 settembre 2007

Rupert, talento da podio

Nato nel 1947 a Nortwich, in Inghilterra, Rupert Holmes è artista poliedrico.
Trasferitosi da piccolo negli Stati Uniti, dopo gli studi di clarinetto e composizione presso la Manhattan School of Music, Holmes inizia a suonare il basso in un gruppo rock e scrive canzoni e jingles pubblicitari.
Probabilmente, la sua propensione per la musica la si deve al fatto che entrambi i genitori erano musicisti; il fratello Richard, invece, è un baritono affermato negli USA.
Da giovane, Holmes arrangia e compone canzoni per i maggiori gruppi musicali degli anni '60 - come i Platters-, fino a quando, nel 1974, tenta la carriera solista con l'album Widescreen. Il successo è tale che Barbara Streisand decide di includere alcuni suoi brani nel film E' nata una stella, avviandolo così ad una carriera gloriosa.

Nel 1979, con l'album Partners in Crime, Holmes raggiunge le hit statunitensi ed inglesi con Escape (The Piňa colada Song), seguito da Him.
Nel 1986, il musical Il mistero di Edwin Drood gli fa vincere cinque Tony Awards, di cui due dati allo stesso Holmes (miglior testo per il musical e migliore colonna sonora originale). Essendo il romanzo di Charles Dickens incompiuto, Holmes decise di scrivere un finale diverso della storia per ogni suo personaggio, lasciando decidere al pubblico, previa votazione in teatro, l'assassino di ogni sera.
Del 1990 è Complici, vincitore dell'Edgar Award, il premio in onore di Allan Poe, assegnato ogni anno dai Mystery Writers d'America (premio assegnatogli anche per Edwin Drood).
Dal 1996 al 1999 è creatore e seneggiatore di una serie tv americana, Remember WENN, mentre il suo lavoro di sceneggiatore di musical prosegue con Il ritratto di Dorian Gray -basato sul romanzo di Oscar Wilde-, e con Say Goodnight, Gracie, in nomination come miglior spettacolo del 2003 ai Tony Awards.
-Pezzo uscito il 27/09/2007 sul Quotidiano della Sera di Roma-

Nessun commento: