18 marzo 2007: l"incipit


"Vieni a fare un giro dentro di me
o questo fuoco
si consumerà da sè.
E se una vita finisce qua
quest'altra vita
presto comincerà"

Con parole di altri (gli Afterhours), apro questo blog, con il fuoco che spero non si spenga mai.
Ho scritto molte parole, forse inutili o banali, o forse interessanti, irriverenti e divertenti.Le ho pubblicate altrove, ma a volte capita che dopo una giornata al mare si torni a casa solo con la sabbia nelle scarpe.
Ecco spiegato, quindi, il perchè di post retrodatati.
E' iniziata anche questa avventura..davanti, l'orizzonte. Sconosciuto. E per questo, assolutamente elettrizzante!
Buona lettura a tutti!


30 aprile 2009

Le gelosie di Goldoni

Una coppia di amici frequentata durante un soggiorno romano sono la fonte di ispirazione di Carlo Goldoni, quando, nel 1759 scrisse Gli innamorati. Come si legge nella premessa dell’autore a chi legge, la commedia non è un semplice racconto dell’amore fedele di una coppia, bensì quello di una pazza gelosia, che “è il flagello de’ cuori amanti, intorbida il bel sereno, e fa nascer le tempeste anche in mezzo alla calma”.
Daniele Russo ed Angela De Matteo sono gli interpreti, al Teatro Sala Umberto dal 6 al 24 maggio, di questo amore movimentato; con la regia di Gabriele Russo, dunque, si racconta la storia di Eugenia e Fulgenzio, gli innamorati insicuri e bizzarri che in nome della gelosia immotivata creano un vorticoso e divertente narrato.
Con Gli innamorati Goldoni passa dalla Commedia dell’Arte a quella di Carattere, senza però mettere da parte la sua drammaturgia frizzante ed irriverente; l’autore veneziano si diletta a canzonare le immotivate ragioni della gelosia, affermando che sia una pazzia volersi tormentare per amore, volere “che il balsamo si converta in veleno”.
Incitando il lettore a ridere di tali bizzarre e malsane dinamiche dell’amore, descrive con ironia la difficoltà di volersi bene, ironizzando su quel bisogno umano di farsi, come si può, in ogni caso del male.


Dal 6 al 24 maggio
Gli innamorati
di Carlo Goldoni
Teatro Sala Umberto
Via della Mercede, 50
Dal martedi al venerdi ore 21.00; sabato ore 17.00 e 21.00; domenica ore 17.30, secondo mercoledi ore 17.00
Biglietti: da 15 € a 30 €
Infoline: 06.6794753


-Pezzo pubblicato su RomaWeek del 30.04-07.05.2009-

Nessun commento: